Mammagialla - agenti al pronto soccorso detenuto provoca incendio volutamente!!!

Carceri: Mammagialla in grave difficoltà operativa
UIL chiede interventi urgenti al DAP e Prefetto Viterbo

In poche ore i fatti accaduti a Mammagialla con incendio nella notte odierna di materassi da parte di detenuti di nazionalità magrebina già rei di fatti simili provocando intossicazioni a danno del personale di Polizia Penitenziaria con necessità di ricorrere alle cure presso il pronto soccorso della città di Viterbo e del tentativo di suicidio di un altro detenuto, salvato dall’azione tempestiva delle pochissime unità di Polizia Penitenziaria presenti nel turno serale, dimostrano che la situazione è veramente a grave rischio per l’ incolumità dei nostri colleghi.


Gli stessi sono chiamati ad adempiere in interventi continui per fatti simili ormai da qualche mese che praticamente viene reso a loro rischio e pericolo non avendo mezzi adeguati non forniti dalla Direzione che invece dovrebbe adempiere.
Inoltre tra i 590 ristretti a Mammagialla quasi la metà sono di nazionalità straniera con molti di loro favorevoli alle iniziative dell’Isis e non solo quindi praticamente pronti a provocare qualsiasi iniziativa pur di mettere a rischio la totale incolumità del personale presente nei tre turni.
Per questi motivi nei giorni scorsi la UIL unitamente ad altre OO.SS aveva aderito al SIT-IN messo in atto dinanzi al carcere per denunciare questa condizione operativa che probabilmente sara’ oggetto di discussione nei prossimi giorni al Provveditorato regionale Lazio Abruzzo e Molise a Roma.
A questo punto però ci preoccupano di più quali possano essere le conseguenze se tali soggetti ponessero ulteriori azioni più devastanti che troverebbero gli agenti di polizia penitenziaria in netta inferiorità in unità e mezzi ad evitare il peggio.
Per questo la UILPA POLIZIA PENITENZIARIA interesserà con nota a parte i vertici del DAP – Ministero della Giustizia e gli Organismi Istituzionali presenti sul territorio affinché si adottino tutte le misure al fine di prevenire quanto sta invece accadendo da qualche mese a Mammagialla.
Totale solidarietà ai colleghi rimasti intossicati e auspichiamo che il soggetto ristretto venga perseguito dagli organismi preposti a tali valutazioni.