Mammagialla il disagio e colpa del DAP

 

Intanto la UIL già da tempo segnala al DAP quali siano le condizione di invivibilità della Casa Circondariale della Tuscia, con 762 detenuti reclusi rispetto ad una capienza regolamentare prevista di 444 posti letto.Significa che questa grave condizione provoca anche comportamenti aggressivi da parte degli stessi, la quale il DAP non fa nulla per risolvere questo problema.

 

Anche il PROVVEDITORATO REGIONALE è intervenuto presso il DAP per chiedere la chiusura di una sezione con il trasferimento dei ristretti in altri istituti, proprio per i stessi motivi.

Sembra che lo stesso DAP abbia dato rassicurazione allo stesso PRAP che provvederà a tale richiesta.

Il prossimo 5 Luglio presso il DAP dove si terrà una riunione per il budget straordinario della sede decentrata, la UIL rappresenterà nuovamente il disagio che si vive nella Regione Lazio e soprattutto a Mammagialla, ricordando che le loro promesse di Ottobre 2012 (invio di 20 unità) è venuta meno, per la quale siamo costretti ad assumere iniziative pubbliche a partire dalla manifestazione unitaria già annunciata del 9 Luglio 2012.