CIVITAVECCHIA C.C.

CC Civitavecchia "Interruzione trattative sindacali dichiarazione stato agitazione"

Interruzione delle trattative sindacali dichiarazione stato agitazione del personale di Polizia Penitenziaria di Civitavecchia

CC Civitavecchia "Nuova apertura sezione AS e carenza di personale"

La scrivente O.S. ha appreso in via informale che presso la Casa Circondariale in indirizzo verrà aperta nel giro di pochissimi giorni una ulteriore sezione detentiva Alta Sicurezza. Sebbene l’implicita nulla questio sulla decisione dell’Amministrazione Penitenziaria, a riguardo sorge immediatamente il dubbio di come la succitata Amministrazione intenda affrontare la già più volte rappresentata carenza di personale che affligge l’istituto. Come già rappresentato formalmente più volte dalla scrivente O.S. l’osservazione psichiatrica femminile, la prima sezione Alta Sicurezza, il reparto di videoconferenze e la riapertura delle sentinelle, sono stati tutti eventi che non hanno alcun modo trovato riscontro con la realtà, poiché mai è seguito un consistente incremento di unità di Polizia Penitenziaria necessario a garantire il buon andamento degli stessi e dell’intero istituto.

Servizio Video Conferenze "Nota unitaria"

Nota_unitaria_Jpg.jpg

Comunicato stampa "CONTINUANO LE AGGRESSIONI NELLA C.C. DI CIVITAVECCHIA N.C "

CONTINUANO LE AGGRESSIONI NELLA C.C. DI CIVITAVECCHIA N.C.
L’ondata di aggressioni al personale che ha interessato tutta l’Italia non ha risparmiato la Casa Circondariale di Civitavecchia N.C. Lo stesso detenuto nord africano che il 21 Agosto aveva tentato di strangolare un Assistente Capo, durante la scorsa notte ha ben pensato di dare fuoco alla propria camera di pernottamento, ottenendo come risultato quello di inviare presso il locale nosocomio sei agenti di Polizia Penitenziaria rimasti intossicati dai fumi sprigionati dall’incendio.

CC Civitavecchia Carico di lavoro personale appartenente alla Sorveglianza Generale.

A questa O.S. duole segnalare una disfunzione presso Codesta Casa Circondariale riguardante la turnazione ed il carico di lavoro del personale addetto alla Sorveglianza Generale.
In particolare, sembrerebbe che il suddetto personale sia esposto a turni stremanti, che seppur programmati vanno oltre ogni buonsenso, nonché riposo psicofisico. A ciò che ci è riferito il personale si trova ad operare con 4 notti in quindici giorni o addirittura 6 notti al mese, senza interessamento della direzione nell’applicazione di ciò che prevede l’Art. 5 del P.I.L. sottoscritto nel 2016, che recita nello specifico l’obbligatorietà dei rientri del personale delle cariche fisse, che nelle more è stato applicato solo per gli appartenenti al ruolo degli Agenti Assistenti.